Pove del Grappa rimasta senza banche video

E’ un po’ l’effetto della globalizzazione e si sente anche in piccoli comuni COME IL CASO DI POVE DEL GRAPPA RIMASTO SENZA BANCHE ECCO LA RICHIESTA DI […]

E’ un po’ l’effetto della globalizzazione e si sente anche in piccoli comuni COME IL CASO DI POVE DEL GRAPPA RIMASTO SENZA BANCHE ECCO LA RICHIESTA DI UNA TELESPETTATRICE DI RETEVENETA

“Da circa un anno e mezzo il comune di Pove del Grappa, quasi 4mila abitanti – in realtà sono 3.100 – , è sprovvisto di una Banca. – scrive a Tg Linea Aperta una nostra telespettatrice, che poi continua: “Conosco la situazione di tagli, crisi, eccetera, , ma almeno uno sportello per il prelievo di contanti mi sembra il minimo. Dato che ci abitano molte persone anche anziane ed abituate magari a farsi un giro a piedi unendo l’utile e il dilettevole… la nostra telespettatrice coglie in effetti un problema che è contemporaneamente un disagio ma anche un segno dei tempi. Fino a pochi anni fa le banche facevano a gara nell’affittare o comprare spazi ovunque, nel centro delle città, sloggiando negozi e facendo crescere a dismisura gli affitti nella zona, mettendo fuori mercato i negozianti che poi avrebbero dovuto cedere i locali. Poi arrivarono le crisi, i fallimenti, le obbligazioni baciate, la concorrenza vera fuori da un mercato protetto, e le agenzie iniziarono a chiudere una dopo l’altra, raggiungendo l’effetto opposto della desertificazione degli sportelli in molte zone o in interi comuni, O FRAZIONI IMPORTANTI, COME PER ESEMPIO NEL NOSTRO TERRITORIO Casoni di Mussolente Il sindaco di Pove Francesco Delmonte è stato immediatamente contattato, e non è sorpreso da questa segnalazione, visto che anche lui sta sensibilizzando istituti bancari per avere almeno uno sportello bancomat