Torna alla sezione Home

Marta Bertoncelli e Giovanni De Gennaro ottengono il pass Olimpico per Tokyo 2020 ai Mondiali di La Seu d’Urgell, in Spagna

Sono tre i pass olimpici conquistati dall’Italia ai Mondiali di La Seu d’Urgell, in Spagna.
A conquistarli oltre a Stefania Horn nel K sono nel C1 femminile Marta Bertoncelli (CC Ferrara) e nel K1 maschile Giovanni De Gennaro (CS Carabinieri).

Una vera e propria impresa sul canale catalano di La Seu d’Urgell da parte di Marta Bertoncelli, del Canoa Club Ferrara, che ricordiamo ha solo 18 anni.
Solo una piccola sbavatura alla penultima risalita la fa arrivare al 15° posto con il tempo di 110.97.
Non va in finale ma il risultato le permette di ottenere il pass per le Olimpiadi di Tokyo,
Sarà la prima donna nella storia della canoa italiana a partecipare alla finale olimpica nella canadese monoposto.

Giovanni De Gennaro arriva anche lui 15esimo e anche lui stacca il biglietto per le olimpiadi , ma nel suo caso si tratta del peggior risultato stagionale.
Daniele Momenti ha dichiarato :
“Il bilancio di questo mondiale è sicuramente positivo perché tra i primi obiettivi avevamo le qualificazioni olimpiche. Però da tecnico devo analizzare le performance degli atleti e capire cosa è mancato per arrivare alle finali o alle medaglie che per molti erano alla portata. Complessivamente abbiamo tre kayak con tempi da finale ma che sono incappati in penalità millimetriche, segno che si può e si deve lavorare sul controllo tecnico del mezzo. Beda ha dimostrato una grande crescita, mentre sia Ivaldi sia De Gennaro hanno forse ceduto alla tensione della competizione, non esprimendosi al massimo potenziale ma tenendo l’attenzione più sul controllo che sull’attaccare.”

“Nel femminile Horn è una certezza che può crescere ancora nella costanza di prestazione. Nella canadese abbiamo avuto un progetto che ha portato i suoi frutti con Erik Masoero e le giovani ragazze che hanno dimostrato di aver lavorato con metodo e testa, soprattutto Bertoncelli che ha qualificato con una forte determinazione. Nella canadese maschile, unica categoria senza quota olimpica, ci sono state prestazioni discordanti con il potenziale degli atleti e dopo l’analisi che faremo ci sarà da sviluppare un lavoro dedicato al prossimo campionato europeo dove dobbiamo conquistare le quote mancanti per avere la squadra completa per Tokyo 2020”.

“Per arrivare fin qui abbiamo lavorato con un gruppo di quattro ragazze e con l’obiettivo di aumentare il livello fisico del gruppo”, ha commentato Erik Masoero, tecnico della canadese femminile. “Abbiamo inoltre insistito molto sul concetto di squadra e sull’aspetto psicologico, facendole lavorare insieme e cercando di far crescere il livello complessivo. La progressione stagionale è stata davvero importante e le distanze con avversarie molto più esperte si sono sensibilmente ridotte”.

K1 Slalom Giovanni De Gennaro Rio 2016

Vuoi maggiori informazioni?

Chiamaci al numero 0424.558250

Oppure scrivici attraverso questo form per richiedere preventivi o informazioni.


    Accetto il trattamento dei dati personali indicato nella Privacy Policy secondo Reg. UE 2016/679