Palio delle Zattere 2019 a Valstagna domenica 21 luglio

Si Scaldano i motori per l’annuale Palio delle Zattere  della Valstagna , l’edizione di quest’anno avrà luogo domenica 21 luglio e la settimana prima si terrà il confronto […]

Si Scaldano i motori per l’annuale Palio delle Zattere  della Valstagna , l’edizione di quest’anno avrà luogo domenica 21 luglio e la settimana prima si terrà il confronto per le qualificazioni con le prove in Piazza San Marco.

Ecco il primo articolo che troviamo pubblicato sul Palio di quest’anno che vi riproponiamo integralmente dal sito tviweb.it a firma di Anna Roscin

 

Nel 1733, su 2000 abitanti censiti, poteva contare 750 “boschieri” e 150 zattieri; nel 2005 è stata proclamata Paese delle Zattere dall’Associazione Internazionale degli Zattieri. Valstagna non è, però, solo una questione di numeri. Questo piccolo paese, incastonato tra l’Altopiano di Asiago e il Massiccio del Grappa, da trentatré anni dà vita ad una manifestazione senza uguali: Il Palio delle Zattere. L’evento, organizzato dalla Pro Loco di Valstagna con il patrocinio del Comune Valbrenta e riconosciuto dalla Regione del Veneto come rievocazione storica, segue proprio le antiche rotte degli zattieri che trasportavano legname e merci. «Dal Duecento fino al Settecento l’attività principale nel Canale di Brenta è il trasporto e il commercio del legname sia in libera fluitazione che legato in zattere – racconta Giacomo Lazzarotto, membro del comitato organizzatore -. Il centro della Vallata fungeva da stazione principale per il deposito e il commercio del legname che confluiva dall’Altopiano, attraverso la Cala del Sasso, dal Primiero e dal Feltrino. Da Valstagna, i tronchi venivano trasportati verso i mercati delle principali città di pianura venete, che abbisognavano di enormi quantità di legname per uso domestico, ma non solo. I famosi faggi di Valstagna hanno rifornito per secoli di remi l’Arsenale di Venezia».

Il Palio delle Zattere, che quest’anno si terrà domenica 21 luglio, vuole anche ricordare due episodi che hanno segnato profondamente la storia di Valstagna: il Brentanon del 1851 e l’alluvione del 1966. «Dopo la distruzione, si è rafforzato il senso di comunità tra gli abitanti – continua Giacomo Lazzarotto -. Lo spirito e la forza che hanno avuto i nostri nonni nel ricostruire il paese, ritorna oggi a vivere con il Palio. È vero che i tifosi e gli zattieri lottano per la propria contrada, ma è per l’amore di una comunità più ampia, quella di Valstagna. Questa manifestazione è fondamentale per continuare a tramandare ai più giovani la storia e le tradizioni del nostro paese. È importante ricordare che lo zattiere costitutiva il duro mestiere di gran parte della popolazione di Valstagna. Al tempo, le zattere erano formate da 15-18 tronchi legati tra di loro. Ogni zattera veniva legata alle altre fino a formare dei treni che andavano dai tre ai sei elementi, per una lunghezza complessiva di circa 30 metri. I viaggi erano diversi e potevano durare anche fino a uno o due giorni, in base alla destinazione e alle mercanzie trasportate».

Il Palio delle Zattere
La manifestazione vede sfidarsi le nove contrade di Valstagna: Oliero, Londa, Piazza San Marco, Torre, Mori, Fontoi, San Ghitan, Sasso Stefani-Giara Modon e Costa-Collicello. A vincere, saranno gli zattieri che, a bordo delle rudimentali imbarcazioni, percorreranno un tratto suggestivo e panoramico del fiume Brenta nel minor tempo. I primi a raggiungere il traguardo conquisteranno l’ambito drappo di velluto rosso recante lo stemma di Valstagna, che sarà gelosamente custodito fino alla successiva edizione. Sia l’ordine di partenza delle zattere, che il posizionamento delle bandiere in acqua per la prova intermedia, saranno definiti in occasione dell’Anteprima del Palio, con la sfida del tiro della slitta e il taglio del tronco.

Dalle 14:30 avrà luogo una grande sfilata in costume che vedrà partecipare gli zattieri delle nove contrade accompagnati dalle damigelle, il gonfalone di Valstagna, gli Sbandieratori di Feltre, gli Zattieri del Brenta, i gruppi Emigranti di Valstagna e “Le arti per Via”.
La partenza della gara, invece, è prevista alle 16:30 da San Gaetano con arrivo sotto il ponte di Rialto.

di Anna Roscini da tviweb.it

palio zattere