Cinque morti in Corsica nel canyon Zoicu per una onda anomala alta tre metri che ha colpito dei canoisti

Emozione in Corsica dopo la morte di 5 persone, tra cui una ragazza, spazzate via da un’alluvione in un canyon Secondo Bouillard, un gruppo di 13 persone, […]

Emozione in Corsica dopo la morte di 5 persone, tra cui una ragazza, spazzate via da un’alluvione in un canyon

Secondo Bouillard, un gruppo di 13 persone, tra cui la guida, stava facendo un’escursione in canoa lungo il canyon, quando il tempo è peggiorato provocando un’onda eccezionale nel fiume. In cinque hanno scelto di proseguire la discesa, sette sono tornati indietro e si sono salvati. Secondo i primi elementi dell’indagine, la tragedia potrebbe essere dovuta a imprudenza.
“L’emozione è palpabile”: la valutazione dell’alluvione improvvisa che ha coinvolto un gruppo di praticanti di canyoning in un canyon in Corsica è salita giovedì a 5 morti, tra cui una ragazza e suo padre, dopo la scoperta del corpo di un giovane donna di 22 anni.

La ricerca, ripresa giovedì a Soccia, nel sud della Corsica, ha permesso di trovare il corpo della quinta vittima di questa tragedia alla fine della mattinata, forse a causa di imprudenza, secondo i primi elementi dell’indagine.

“L’emozione è palpabile, sentiamo che le persone sono scioccate, ci sono molti turisti”, ha detto giovedì all’AFP il colonnello Bruno Maestracci, capo del servizio di soccorso di Corse-du-Sud ( SDIS 2A) che specificava che una cellula di aiuto psicologico, composta da 6 pompieri di emergenza volontari, era stata attivata sul posto.

Giovedì mattina, otto vigili del fuoco e gendarmi del Plotone dell’Alta Montagna (PGHM), hanno ispezionato ogni roccia del fiume, alla ricerca dei dispersi.

I cinque morti in questa tragedia che ha scosso la Corsica sono una bambina di 7 anni e suo padre, la guida della compagnia Alticanyon, 36 anni, un giovane di 26 anni e quindi una giovane donna di 22 anni cui il cui corpo è stato scoperto giovedì, ha dichiarato il procuratore dell’AFAP, Eric Bouillard.

“L’onda sembrava un piccolo tsunami. Era molto alta e ha travolto tutto”, ha detto il consigliere territoriale e presidente del Servizio Incendi e Soccorsi della Corsica meridionale, Pierre Poli, ai microfoni di France Info.

La madre della ragazza, scioccata, faceva parte del gruppo di 13 persone – 12 partecipanti e una guida – impegnati in questa gita di canyoning ma aveva rinunciato a cinque altri canyonisti, “come e quando le difficoltà “Mentre scendi lo Zoicu Canyon, continua l’attività, lasciando che la moglie e la figlia continuino con la guida e altre quattro persone.

Le restanti sette persone sono state poi sorprese da un’ondata dopo aver continuato

– “Tutta la Corsica è sconvolta” –

“Questa ondata, descritta come importante –Si parla di tre metri -, li ha sopraffati  “, ha detto, aggiungendo che gli altri due gruppi avevano rinunciato “date le condizioni di tempesta che arrivavano “sulla zona:” Cercheremo i motivi per cui questo gruppo h continuato mentre gli altri si sono fermati “.
“Gli altri due gruppi si sentono un po ‘responsabili”, ha detto il signor Maestracci.

Una delle guide di uno dei gruppi che si erano ritirati è tornata mercoledì per dare una mano a quelli in  difficoltà e hanno tirato una corda”, permettendo a due delle sette persone portate via, un uomo di 40 anni e suo figlio di 16 anni , di essere “salvati” e trasferiti all’ospedale di Ajaccio, secondo il procuratore.

“Tutta la Corsica è sconvolta da questa tragedia”, ha twittato mercoledì sera Gilles Simeoni, presidente del consiglio esecutivo della Corsica. “Corsica in pena: il fiume ucciso a Soccia”, ha anche twittato, in Corsica, il presidente dell’Assemblea della Corsica Jean-Guy Talamoni. I due politici hanno inviato le loro condoglianze alle vittime e ai loro cari.

Il ministro degli Interni Gerard Collomb ha dichiarato di essere “profondamente colpito”, ricordando che gendarmi e pompieri sono stati mobilitati per “fornire assistenza e conforto” alle vittime.
Lo Zoicu è il torrente che dà il nome a questo canyon situato a 1.000 metri sul livello del mare, considerato uno dei più belli dell’isola. Molto popolare per le attività di acqua bianca – escursionismo, kayak, canyoning – è considerato un sito piuttosto sportivo con salti di 18 metri di altezza ed è inaccessibile a priori senza attrezzature specializzate.

Mercoledì la Corsica era stata posta i allarme giallo. Gravi temporali si sono succeduti negli ultimi giorni nella montagna corsa e una tempesta localizzata ha improvvisamente gonfiato lo Zoicu, un affluente del fiume Guagno.

Con cinque morti, questo incidente di canyoning è il peggiore in Francia dal 1990, secondo una valutazione dell’AFP. In Europa, un incidente simile ha ucciso 21 persone nel luglio 1999 a Interlaken, in Svizzera, nelle Alpi bernesi.

canyon Zoicu